Voio partir

Una canzone che ho scritto durante un lungo viaggio notturno, da Napoli a Trieste. Racconta di un triestino che vorrebbe partire e andarsene lontano, ma non ce la fa!
Arrangiata ed eseguita dalla Maxmaber Orkestar, canta il grande Matteo “Zecca”. (dal cd “Spavomir”).


> spartito


Voio Partir

(parole e musica di Max Jurcev)

mi no guanto vado via
molo tuto e se vedemo
che se resto a casa
mia fazo mufa e moro qua

voio veder posti novi
e conosser gente strana
se me ciapa la matana
schizo via col primo tran

mi me sveio de bonora
ciogo un capo zò in bareto
poi sentà intanto che speto
fumo l’ultimo cichin

no xe bus, son restà a pie
e la vespa no me parti
xe zà l’una e tre quarti
e no so come partir

la stazion xe sai lontana
e me buliga la panza
saco svodo no sta in pie
me fazessi un rebechin

torno subito in bareto
con un’anda indiferente
ghe domando gentilmente
un panin de coto e cren

se ga fato zà le quatro
go finido sei birete
tuti zoga a tresete
e me sento un fià smonà

mi no guanto vado via
vado in Cina o in Argentina
con el bus fin Opicina
poi sarà quel che sarà

come fazzo per voltarme
entra Ucio in compagnia
coss’te fa no sta’ndar via
son ciavà devo restar

barcolando torno a casa
se ga fato notolada
bon per ogi la xe andada
ma doman voio partir

me distiro insemenido
bagolando nei pensieri
so che l’ogi xe zà ieri
ma doman voio partir

fin che resta la speranza
perché altro no me vanza
de sveiarse co la voia
co la voia de partir

RIT.
veci sul bus, mati e sciopai,
bori no xe, semo sfigai
sempre a sperar, a farse spritz
po’ sburteremo el matavilz
devo partir, voio partir
fin che no trovo un posto per mi
forsi la zò, o drio il canton
ma de star qua, no son più bon

Comments are closed.